Amouse-bouche

Cosa è l’Amouse-bouche

Molti di voi si chiederanno di cosa si tratta, la prima volta che l’ho ricevuto sono rimasta buy gabapentin for dogs piacevolmente stupita! In pratica non è altro che generic orlistat online no prescription il benvenuto dello http://evalfor.com/contacto chef, servito all’inizio del pasto prima degli antipasti.

Ha piccole dimensioni così da poter essere consumato in un solo boccone, non è ordinabile ma è a discrezione dello chef ed è servito gratuitamente.

La traduzione letteraria dal francese è “diverti-bocca” allora divertiamoci anche noi stupendo i notri ospiti  con nuove e inaspettate leccornie!!!!

Sei ricette per partire

San Marzano amore mio ♥

Ajo blanco alla birra

Mini cheesecake ricotta e Pachino

Shottino alla livornese

Tiella insolita riso rosso patata free

Seppie in trippa alla bianca di Giarratana

 

Premessa:

Nella preparazione delle ricette indicherò

alcuni ingredienti d’eccellenza del panorama

enogastronomico,chiaramente ad ogniuno di essi

potranno essere sostituite le medesime quantità

con ingredienti comuni per ogni eventuale

necessità.                                                      

 

San Marzano amore mio ♥

  • San marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino     4
  • Acciughe del Cantabrico                                    2
  • Capperi di Pantelleria                                         1 cucchiaio
  • Olive verdi Bella di Cerignola                           4
  • Palamita sott’olio di San Vincenzo                  80 gr
  • Foglioline d’origano fresco                                qb
  • Maionese

Facoltativo

Maionese fatta con un buon olio extravergine  (io preferisco non metterla per godermi

al pieno il gusto di questi “pregiati” ingredienti ma c’è chi nel pomodoro ripieno

non ne  può fare a meno,allora che sia anch’essa prodotto di qualità).

Procedimento:

Aprire la calotta in verticale dei pomodori ,se sono molto grandi ne bastano 2 divisi a metà,

svuotarli mettendo il contenuto in un colino per colare l’acqua di vegetazione in eccesso,

porre i San Marzano a testa in giù su carta assorbente, nel frattempo dissalare i capperi e le

accuighe ; togliere la Palamita dall’olio avendo cura di lasciarlo da parte, denocciolare le olive,

dopodichè prendere gli ingredienti metterli su di un tagliere e lavorarli con il coltello

aggiungendo di volta in volta un pò della polpa dei pomodori messa da parte. Occorre fare

attenzione che l’impasto diventi cremoso e non liquido ,aiutandosi se necessario

con un poco dell’ olio di conservazione  del pesce .Successivamente

unire poi alcune foglioline di origano lasciandone qualcuna per decorare , riempire

i pomodori pareggiando prima la base  in modo che stiano in piedi

avendo cura di lasciare il fondo intatto!!!!!!!

Guarnire a piacere e buon appetito……

NB: Se volessimo proprio aggiungere la maionese

 sostituire all’olio della Palamita messo nel ripieno .

 

 Ajo blanco alla birra 

  • Pane casareccio raffermo gluten free              gr 100
  • Birra chiara al malto di miglio gluten free     1/2 bicchiere
  • Mandorle pelate non tostate                             gr 100
  • Aglio dolce tipo Aglione Valdichiana              1 spicchio
  • Aceto biologico di mele                                      2 cucchiai
  • Olio extravergine delicato                                  50 ml
  • sale,pepe                                                                qb
  • Acqua                                                                      qb

Procedimento:

La ricetta originale prevedeva la preparazione in mortaio, ma io ho provato a farla con il frullatore, ottenendo un discreto risultato.

Mettere il pane nel bicchiere del mixer ,aggiungere la birra ,le mandorle (messe in ammollo la sera precedente) ben scolate,  lo spicchio d’aglio privo dell’anima, l’aceto, sale, pepe e incominciare a frullare a intervalli, aggiungendo l’olio e l’acqua fino a raggiungere una consistenza vellutata e cremosa.

Se fosse necessario aggiustare di sale ,mettere in frigo a riposare per un paio d’ore.

Servire poi in piccoli bicchierini guarniti con una mandorla tostata o come vuole la tradizione un chicco d’uva bianca. Bon appètit!!!!

 

Mini cheese cake ricotta e Pachino

Per la base:

  • Tarallini gluten-free                                         gr 110
  • Burro                                                                   gr 90
  • Stampini alluminio                                           pz 4

Per la farcia:

  • Ricotta vaccina                                                   gr 200
  • Parmigiano Reggiano 30 mesi grattugiato  gr 65
  • Uova                                                                      pz 1
  • Pomodorini Pachino                                          pz 4
  • Origano fresco                                                     qb
  • Olio al basilico*                                                   qb
  • Sale pepe                                                               qb

*Olio extravergine con estratto di basilico

in commercio se ne trovano anche di qualità.

Procedimento:

Le basi:

Fondere il burro ,con un pennello imburrare gli stampini,sbriciolare bene i taralli al tritatutto, unirvi il burro rimasto, mescolare bene l’impasto suddividerlo negli stampini cercando di compattarlo.

La farcia:

Unire alla ricotta il parmigiano, l’uovo, le foglioline dell’origano ,sale e pepe qb. Dopo porre la farcia sulle basi fatte negli stampini,dividere i pomodorini a metà condirli con sale, pepe e l’olio al basilico  dopo metterli sulla farcia e infornare a forno statico a 175°C per circa 15/20 minuti. Ciò dipende da forno a forno, comunque quando vedrete la ricotta asciutta i tortini sono pronti!

Lasciate raffreddare bene,sformate guarnite a piacere e servite in tavola.

shottino alla livornese

Shottini alla livornese

  • Passata di pomodoro toscano bio                    100 ml
  • Aglio di Nubia                                                      1 spicchio
  • Prezzemolo                                                           6 rametti
  • Cozze grandi                                                         12 pezzi
  • Peperoncino                                                         qb
  • Sale ,pepe                                                              qb
  • Olio extravergine toscano                                  qb

Procedimento :

Scottare le cozze, sgusciarle con attenzione a non romperle ,metterle da  parte filtrando anche il loro fondo di cottura, mettere a soffriggere olio aglio intero peperoncino, aggiungere la passata, il liquido delle cozze lasciare insaporire il tutto pochi minuti, aggiustare di sale e pepe togliere l’aglio e il peperoncino, lasciare raffreddare. Intanto tritare le foglioline del prezzemolo e unirle al tutto,prendere le cozze e inserirle a tre alla volta in degli stecchini meglio se decorati  a voi la scelta .

Preparare quattro bicchierini da shott riempirli con la salsa raffreddata inserire gli spiedini di cozze uno a bicchiere due cannuccine e mmmmm……….

Tiella insolita riso rosso patata free

PREMESSA:

Per questo piatto bisognerà  preparare qualche giorno prima un sale aromatico ,vi elenco sotto la ricetta per

500 gr di sale sicura che di quello che vi rimarra conservato in un barattolo a chiusura ermetica  ne farete buon uso in altre mille ricette dettate dalla vostra fantasia!!!!!!

  • Sale marino 500 gr es :Saline di Mothia io non ne posso fare a meno…..
  • Scorza gialla di 1 limone non trattato costiera amalfitana!!!!!
  • Aglione della Valdichiana 2 spicchi togliere l’anima ça va sans dire..
  • Prezzemolo anche riccio detto il francese , solo le foglie molto delicato…20 gr
  • Origano se fresco 20 gr se essiccato siciliano magari di Agrigento 8gr
  • peperoncino calabrese senza semi 1
  • Curcuma in polvere  10 gr
  • Basilico ligure dalle foglie piccole e profumate
  • Bacche di pepe rosa 10 gr
  • Mentuccia romana fresca 10 gr

Mettete un po di sale nel mixer o in un mortaio unitevi tutte le spezie poi una volta tritate miscelate bene al resto del sale e ponete qualche giorno prma dell’uso a riposo. Avrete cosi in un barattolo la sinfonia di un piccolo mondo♥♥♥.

Passiamo alla ricetta:

  • Riso rosso integrale                                              gr 150
  • Pesce misto per sugo                                            gr 250 ovviamente senza lische e gusci
  • Cipolle di certaldo                                                 2
  • Pomodori tondi maturi                                        3 abbastanza corposi
  • Olio extravergine                                                   qb
  • Vino bianco secco tipo Vernaccia                       1/2 bicchiere
  • Sale aromatico                                                        qb

Preparazione:

Affettare pomodori  le cipolle.

Prendere una pirofila media di vetro, oliare il fondo disporvi alcune fette di pomodoro dopo di cipolla salare e oliare.

Versarvi il riso a crudo, coprire con il preparato di pesce sempre a crudo, salare e oliare aggiungere i restanti pomodori  e cipolla,condire ,versare il vino ,coprire con un foglio d’alluminio mettere in forno statico  a 200°C per circa 2 ore anche qui dipende dal tipo di forno ! Comunque quando il riso è cotto e ha assorbito tutto il liquido il piatto è pronto. Lasciate raffreddare, prendete 4 piccoli contenitori con un cucchiaio ,sistemarvi il riso pressarlo con i suoi condimenti guarnire a piacere e servire. Se vi avanza un po di riso sono sicura che non andrà perduto!

Seppie in trippa alla bianca di Giarratana

  • Seppie                                                                   gr 400
  • Cipolla bianca di Giarratana                            1
  • Salvia                                                                    1  ciuffetto
  • Vino  bianco secco tipo Vernaccia                  1/2 bicchiere
  • Olio extravergine                                                qb
  • Sale ,pepe                                                             qb
  • Crema vegetale soia o riso                                100 ml

Procedimento:

Tagliare a strisce le seppie , affettare la cipolla metterla  in un tegame con un pò d’olio soffriggere ,aggiungere le seppie la salvia sfumare con il vino coprire e abbassare il fuoco e portare a cottura  aggiustando di  sale e di pepe.

Quando le seppie sono tenere aggiungere la crema vegetale, lasciare sobbollire un minuto e togliere dal fuoco, il piatto è pronto  non resta altro che trovare  dei piccoli contenitori. Per questa amouse bouche sicuramente avanzerà un pò di sughetto, che ne dite di  saltarci due gnocchetti? A  voi la scelta spaziate con la fantasia .

 

 

 

 

 

Autore dell'articolo: sveva crieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *